Ultima ora

Prestazioni all’estero senza stabile organizzazione: tassazione italiana

Le prestazioni di servizi di carattere ingegneristico fornite all’estero in assenza di stabile organizzazione nello Stato ospitante, ai fini dell’applicazione della convenzione contro le doppie imposizioni, sono qualificabili come servizi di assistenza tecnica pura che restano soggetti a tassazione in Italia (Stato di residenza). L’eventuale ritenuta alla fonte applicata dal cliente estero (in base alla normativa fiscale domestica, su contestazione dell’Autorità competente), non essendo conforme alle disposizioni convenzionali applicabili, non da diritto al credito d’imposta in Italia. In tali ipotesi, per neutralizzare la doppia imposizione, è necessario attivare la procedura di rimborso nello Stato estero. (Agenzia delle Entrate - Risposta 01 febbraio 2019, n. 23).