Ultima ora

L’attività di medico di continuità assistenziale genera redditi di lavoro autonomo

I redditi percepiti dal professionista per l’attività di medico di continuità assistenziale, a fronte anche dell’abituale esercizio della professione di medico di medicina generale, sono da assoggettare a tassazione quali redditi da lavoro autonomo ai sensi dell’art. 53 del TUIR (Agenzia Entrate - risposta 25 settembre 2020, n. 414).