Ultima ora

Dichiarazione di successione e diritto di abitazione

Il riconoscimento del diritto di continuare ad abitare nella casa comune è volto a garantire la tutela del diritto all'abitazione dalle pretese restitutorie dei successori del defunto per un lasso di tempo ragionevolmente sufficiente a consentire al convivente superstite di provvedere in altro modo a soddisfare l'esigenza abitativa. Deve escludersi che il diritto di abitazione debba essere indicato nella dichiarazione di successione, in quanto diritto personale di godimento attribuito ad un soggetto che non è erede o legatario. (AGENZIA DELLE ENTRATE - risposta n. 463 del 2019).