Ultima ora

Da evitare la numerazione parziale giornaliera delle fatture

La numerazione esadecimale strutturata sulla progressione della data di emissione delle fatture, volta ad evitare di esporre a clienti e collaboratori informazioni sul numero totale di fatture emesse è inidonea al rispetto della sequenzialità, richiesta dalla direttiva comunitaria, nell'arco temporale mensile o annuale, potendosi verificare il caso che in alcuni giorni non sia emessa alcuna fattura e che, quindi, si verifichi un "salto data" (Agenzia Entrate - risposta 29 ottobre 2020, n. 505).