Ultima ora

Come rimediare all’erronea duplicazione della fattura tramite SdI

Qualora il contribuente abbia erroneamente trasmesso tramite il Sistema di Interscambio diverse fatture già emesse in formato cartaceo in anni pregressi, e per le quali aveva già provveduto ai relativi adempimenti IVA, al fine di neutralizzare l’errato invio dei duplicati, può emettere in formato elettronico le rispettive note di variazione di cui all’art. 26, D.P.R. n. 633/1972, riportando nel campo "causale" la dizione "storno totale della fattura per errato invio tramite SdI".
Laddove i duplicati delle fatture non hanno partecipato alle liquidazioni periodiche IVA del 2019, le note di variazione non possono costituire titolo per il recupero in detrazione dell’IVA debito (Agenzia Entrate - risposta 08 ottobre 2019, n. 395).