Ultima ora

Aggiornamento dei coefficienti per i fabbricati a valore contabile

Agli effetti dell’applicazione dell’IMU e dell'IMPi dovute per l’anno 2020, per la determinazione del valore dei fabbricati a valore contabile, i coefficienti di aggiornamento sono stabiliti nelle seguenti misure: per l’anno 2020 = 1,01; per l’anno 2019 = 1,01; per l’anno 2018 = 1,01; per l’anno 2017 = 1,03; per l’anno 2016 = 1,03; per l’anno 2015 = 1,04; per l’anno 2014 = 1,04; per l’anno 2013 = 1,04; per l’anno 2012 = 1,07; per l’anno 2011 = 1,10; per l’anno 2010 = 1,12; per l’anno 2009 = 1,13; per l’anno 2008 = 1,17; per l’anno 2007 = 1,21; per l’anno 2006 = 1,25; per l’anno 2005 = 1,28; per l’anno 2004 = 1,36; per l’anno 2003 = 1,40; per l’anno 2002 = 1,45; per l’anno 2001 = 1,49; per l’anno 2000 = 1,54; per l’anno 1999 = 1,56; per l’anno 1998 = 1,58; per l’anno 1997 = 1,62; per l’anno 1996 = 1,67; per l’anno 1995 = 1,72; per l’anno 1994 = 1,78; per l’anno 1993 = 1,81; per l’anno 1992 = 1,83; per l’anno 1991 = 1,87; per l’anno 1990 = 1,95; per l’anno 1989 = 2,04; per l’anno 1988 = 2,13; per l’anno 1987 = 2,31; per l’anno 1986 = 2,49; per l’anno 1985 = 2,66; per l’anno 1984 = 2,84; per l’anno 1983 = 3,02; per l’anno 1982 e anni precedenti = 3,20 (MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE - Decreto 10 giugno 2020).